Come Bloccare l’Accesso a Specifici Programmi sul Pc

Ecco un altro software per mettere in sicurezza il vostro computer: si chiama AppLocker, un ottimo strumento leggero, gratuito e funzionale, che permette di gestire l’accesso ai vari programmi installati sul proprio PC da parte dei vari utenti di Windows. Se, ad esempio, volete impedire l’accesso ad Internet Explorer oppure a Word, basterà avere i permessi di Amministratore per impostare questi software fra quelli bloccati.

AppLocker, di default, è già configurato per bloccare alcuni programmi Windows come Internet Explorer, Blocco note, Calcolatrice oppure Microsoft Office: per aggiungere alla lista il programma desiderato basterà semplicemente cliccare “Configure” e selezionare il file di avvio (solitamente con estensione .exe). Ricordarsi di confermare le modifiche apportare cliccando “Save“.

Risulta essere importante accedere ad AppLocker con i permessi di amministratore (Administrator): solo in tal modo sarà possibile aggiungere o rimuovere dalla lista i programmi da bloccare. Quando un utente Windows tenterà di accedervi, verrà bloccato da un errore.

Se intendete utilizzare AppLocker in una rete per bloccare l’accesso a determinati programmi in tutti i computers, dovrete copiare l’eseguibile delle applicazioni in una cartella condivisa e successivamente aggiungerlo alla lista di AppLocker.

Si tratta di un piccolo freeware davvero utile per “mantenere l’ordine” nel vostro PC condiviso oppure nella vostra rete casalinga.

Come Convertire PDF in Word

Ecco un altro software gratuito per convertire i documenti PDF nel formato Microsoft Word (doc): si chiama Free PDF to Word Converter. Il nome è molto simile ad un altro freeware presentato sulle pagine di Generazione Internet qualche mese fa, ovvero Free PDF to Word Doc Converter.

Data la sua leggerezza, l’installazione di Free PDF to Word Converter richiede pochi secondi: possiede un’interfaccia grafica pulita e ben ordinata che permette all’utente di convertire i documenti in modo facile e veloce.

Questi sono i brevi passaggi da seguire per convertire un documeto PDF in Doc
Scaricare, installare ed avviare Free PDF to Word Converter;
Selezionare “Select File” per aggiungere alla lista tutti i files PDF che dovete convertire;
Ovviamente lasciare invariata la sezione intitolata “Output format“, impostata su “Microsoft Word (DOC)“, e procedere con il settaggio della cartella in cui verranno salvati i file convertiti (cliccando “Select another folder“): di default, vengono salvati nella cartella Documenti di Windows.
Cliccare “Convert” e attendere il completamento dell’operazione di conversione.

Da questa breve guida avrete sicuramente capito che si tratta di uno strumento davvero intuitivo e semplice da utilizzare: Free PDF to Word Converter è compatibile con i sistemi basati su Windows 98, 2000, ME, XP e Vista.

Ho effettuato alcuni test, basandomi su documenti PDF con formattazioni diverse: per i documenti “semplici” non ho riscontrato alcun problema, le difficoltà sono sorte invece per i documenti con formattazioni più avanzate (testi e immagini disposti in maniera complessa). Si tratta del tipico problema dei programmi di conversione automatica: rimane comunque la possibilità di ritoccare “a mano” il documento utilizzando Microsoft Word, cercando di ricostruire la formattazione originale.

Come Capire se un’Immagine JPG è Originale

L’utilizzo della fotografia digitale, rispetto ai sistemi tradizionali, possiede numerosi vantaggi inerenti alla portabilità, all’archiviazione, all’editing e alla condivisione delle proprie immagini. Ponendo l’attenzione sull’editing, oggi è abbastanza difficile capire se un’immagine scaricata dal Web sia originale oppure se sia stata modificata con qualche software. JPEGsnoop è un software gratuito che ci permette di capire se un’immagine, in formato jpeg, sia stata modificata e con quale software.

Analizzando tutti i dettagli di un’immagine jpeg, oppure di un filmato avi MotionJpeg, JPEGsnoop vi saprà dire se l’immagine sia stata sottoposta ad un processo di editing oppure, ad esempio, se sia il risultato autentico di uno scatto fotografico. In questo modo potrete smentire qualche furbetto che cerca di ingannare qualcuno dichiarando l’autenticità di un’immagine mozzafiato: se si tratta di un originale, JPEGsnoop vi mostrerà il modello della fotocamera utilizzata e molti altri dettagli.

L’utilizzo è molto semplice: basta avviare il software, aprire l’immagine desiderata e verificare i risultati. Per conoscere il parere di JPEGsnoop basta scorrere la pagina fino alla fine. Ecco un esempio: abbiamo aperto un’immagine jpeg, creata con Adobe PhotoShop, per verificare i risultati di JPEGsnoop.

Il messaggio è chiaro: “Image is processed/edited“. In caso contrario, se l’immagine fosse stata scattata da una fotocamera, avremmo ottenuto il messaggio “Image has high probability of beying original” (che tradotto significa “L’immagine, molto probabilmente, è originale”). Ovviamente non esiste la certezza assoluta che si tratti di un originale, ma le probabilità sono davvero molte; purtroppo, i metodi per camuffare i dati relativi ad un’immagine jpeg, non sono certamente pochi.

Recensione Stampante Hp OfficeJet 7510

Nel mondo delle stampanti dedite ad un utilizzo sia casalingo che professionale, in appoggio al proprio lavoro o per l’uso in uffici medio piccoli, i modelli che supportano i formati di carta A3 ed A3+ costituiscono una vera e propria nicchia.

Si tratta di stampanti realizzate per soddisfare specifiche richieste: ad esempio possono esserci grafici che hanno bisogno dei grandi formati per le proprie presentazioni o lavori, oppure uffici dove il grande formato è utile per produrre stampe più leggibili di documenti Excel. Questo è anche il caso della HP OfficeJet 7510, una multifunzione 4 in 1 che a fronte di un prezzo molto concorrenziale cerca di far sue tutte queste caratteristiche.

Caratteristiche Principali e Funzionalità
Come sappiamo dotarsi di una stampante di questo tipo, che supporti il formato A3 ed A3+, è impegnativo dal punto di vista degli ingombri e la HP OfficeJet 7510 non fa eccezione da questo punto di vista. Le sue dimensioni sono molto generose, di 613 x 483 x 366 mm, ben al di sopra di quanto avviene anche in altri modelli supportanti lo stesso formato, mentre il peso supera i 13Kg.
Stilisticamente non ci si discosta troppo da quanto si può vedere in altre OfficeJet. La parte frontale della stampante è dominata in basso dal vassoio della carta, in grado di contenere fino a 250 fogli. Nella maschera centrale troviamo invece un display LCD touch a colori tramite cui utilizzare praticamente tutte le funzioni della stampante. Il display, di 2,6”, è di sufficiente grandezza per un suo facile utilizzo, ma va detto che in proporzione alle dimensioni della stampante tende a sembrare decisamente più piccolo.
A livello di connettività nella HP OfficeJet 7510, oltre al Wi-Fi, troviamo anche una comoda porta Ethernet, per la connessione diretta ad una rete. Non si tratta di una necessità per un utilizzo domestico, ma in ambito lavorativo può fare la differenza. Grazie al Wi-Fi è comunque possibile sfruttare tutta una serie di soluzioni alternative per usare la stampante in più modi.
Nella HP OfficeJet 7510 troviamo pieno supporto ai sistemi Android grazie all’app HP ePrint, ed ai prodotti Apple grazie alla compatibilità con Apple AirPrint. È quindi possibile stampare da remoto con praticamente qualsiasi device, smartphone o tablet che sia. Interessante anche la possibilità, grazie ad una porta USB dedicata, di poter stampare e scansionare direttamente da una pen-drive.
Assieme a tutte queste possibilità ci saremmo aspettati di vedere supportate anche le schede SD, ma stampare da questo tipo di supporti con la HP OfficeJet 7510 non è purtroppo possibile. Altra assenza è quella della stampa fronte-retro automatica, che soprattutto in ambito lavorativo e d’ufficio si rivela essere molto importante. È curioso che modelli HP espressamente dedicati al mercato home e di fascia bassa, come ad esempio le HP Envy 4520 e 4525, siano dotati di questa funzione che in questo caso è purtroppo solo manuale.

Prestazioni come Stampante
La HP OfficeJet 7510 offre un classico sistema di stampa a getto d’inchiostro che permette di raggiungere risoluzioni di 600*1200 dpi in bianco e nero a 4800*1200 dpi di risoluzione massima nella stampa a colori.
Dal punto di vista delle prestazioni pure la HP OfficeJet 7510 si avvicina a quanto già visto nella HP OfficeJet Pro 6830, che però non supporta il formato A3 ed A3+. In questo caso in bianco e nero si raggiungono le 15 pagine al minuto, mentre a colori le 8, parlando di stampa di documenti su classico formato A4. Nella stampa di fotografie le prestazioni invece peggiorano notevolmente, superando il minuto per una foto del classico formato 10*15cm. In questo caso va però ricordato che la stampa di fotografie non è certamente il campo di riferimento per un modello del genere.
La qualità delle stampe è comunque sempre di buon livello, specialmente quando si tratta di documenti. Questi ultimi hanno in tutti i casi una discreta definizione, che si conferma tale anche nella stampa a colori e nei grandi formati A3 ed A3+. Per quanto riguarda la stampa di foto si raggiunge appena la sufficienza, tenendo presente un uso non professionale in questo senso. In alcuni casi va infatti detto che la stampante tende a saturare troppo le tonalità di colore più scure.
Come accennato in precedenza, la HP OfficeJet 7510 è capace di garantire discreti cicli operativi che arrivano a 12.000 stampe mensili su formato A4. Il volume consigliato comunque da HP oscilla tra le 200 e le 800 stampe mensili, cosa che evidenzia la natura ibrida della stampante, adatta sì anche ad utilizzi in uffici, ma che non necessitino di carichi di lavoro estremamente elevati per cui sono necessari ben altri tipi di prodotti.

Cartucce e Convenienza
La HP OfficeJet 7510 utilizza un sistema a quattro serbatoi che ospitano la cartuccia del nero e le cartucce dedicate ai colori. All’esaurimento di una singola cartuccia colore è quindi possibile sostituirla singolarmente. Le cartucce compatibili sono le 932 per il nero e le 933 per i relativi colori.
Normalmente nelle stampanti a getto d’inchiostro, capaci di reggere discreti carichi di lavoro come in questo caso, il costo e la spesa per le cartucce può diventare determinante. Per quanto riguarda la HP OfficeJet 7510 va detto però che la durata è soddisfacente, raggiungendo le 400 stampe nel caso del nero, mentre il loro costo si mantiene tutto sommato contenuto. Qualcosa è possibile risparmiare con le cartucce compatibili, specialmente con quelle riguardanti i colori, ma come sempre sulla loro durata ed efficacia vanno mantenute delle riserve.

Prestazioni come Scanner
La HP OfficeJet 7510 è dotata di uno scanner di tipo CIS capace di una risoluzione di 1200*1200 dpi. Quello che va subito specificato è che il piano di scansione supporta fino al formato A4, escludendo pertanto i formati A3 ed A3+, supportati solo in stampa. Questa è sostanzialmente la caratteristica principale che la differenzia dal modello HP OfficeJet 7612, che supporta invece la scansione anche nel formato A3.
La presenza dell’ADF, con una capienza massima di 35 fogli, rende le cose più semplici e veloci. Dal punto di vista delle prestazioni si raggiungono le 3,5 copie in bianco e nero e le 2,5 a colori. La HP OfficeJet 7510 offre poi l’interessante possibilità di inviare direttamente via mail, tramite la stessa stampante, i documenti appena scansionati, velocizzando di molto il lavoro.

Prestazioni come Fotocopiatrice
Nella copia dei documenti le prestazioni sono simili a quanto detto per la scansione. La risoluzione in questo caso arriva a 600*1200 dpi, mentre è supportata anche la copia a colori. Presente anche una comoda funzionalità di zoom, dal 25 al 400% e la possibilità di copia senza bordi.
Sfruttando l’ADF è inoltre possibile mettere in copia fino a 35 fogli per volta con una velocità che in bianco e nero raggiunge le 9 copie al minuto. Il numero massimo di copie impostabili si ferma invece a 99, un valore comunque canonico in prodotti di questo tipo.

Prestazioni come Fax
Il modulo fax della HP OfficeJet 7510 permette di raggiungere i 300*300 dpi, che diventano 200*200 dpi nel caso di invio di fax a colori.
La velocità del modem si ferma invece ai soliti 33,6 kbps, mentre il tempo di invio per pagina è di circa 4 secondi. Utile infine la possibilità di memorizzare fino a 100 numeri in rubrica.

Le Nostre Opinioni
La HP OfficeJet 7510 è una valida multifunzione 4 in 1. Oltre a discrete, sebbene non eccelse, prestazioni sul fronte della stampa sia dal punto di vista della qualità che della velocità, offre un massiccio ventaglio di possibilità grazie all’estesa connettività garantita dal completo supporto Wi-Fi e alle ultime tecnologie di stampa da remoto.
Purtroppo l’utilizzo all’interno di uffici, possibile viste le sue caratteristiche tecniche e la possibilità di sfruttarla con discreti volumi di stampa, viene limitata dalla mancanza della stampa fronte retro automatica, che su un modello di questo tipo si fa sentire. Nonostante questo, comunque, la HP OfficeJet 7510 rimane una valida soluzione per liberi professionisti e uffici di tipo domestico, offerta ad un prezzo abbastanza economico e in grado di gestire anche formati particolari come l’A3 e l’A3+.

Come Fare il Backup delle Impostazioni del Browser

La missione di MailBrowserBackup è quella di permettere agli utenti di effettuare una copia di backup dei profili di utilizzo del proprio Web browser (es. Internet Explorer, Mozilla Firefox) del proprio client eMail (es. Windows Mail, Mozilla Thunderbird) oppure di altre applicazioni come FileZilla ed eMule. Si rivela utile per esportare, e quindi importare, le impostazioni dei vari software su altri computer, risparmiando il tempo necessario a modificare le configurazioni di default.

MailBrowserBackup è un’applicazione completamente gratuita, molto semplice da utilizzare e non necessita di installazione. Vi consente di effettuare il backup delle impostazioni dei seguenti software:

Web Browser
Microsoft Internet Explorer
Mozilla Firefox
Google Chrome
Opera
Apple Safari
SRWare Iron
Clients eMail

Windows Mail
Mozilla Thunderbird
IncrediMail
Altri software

FileZilla
eMule
MailBroserBackup – Screenshot

Basta attivare il box relativo a ciascun software e cliccare “Backup” per salvare una copia delle impostazioni; allo stesso modo, si potrà effettuarne il ripristino semplicemente cliccando “Restore“.

MailBrowserBackup è compatibile con Windows XP e Windows Vista; richiede l’installazione di Microsoft .NET Framework 2.0. In futuro verranno aggiunte altre applicazioni di cui poter effettuare il backup, perciò vi consigliamo di tornare a visitare la pagina ufficiale per il download.