ADSL e Fibra – Termini che Bisogna Conoscere

L’ADSL sta per essere soppiantata dalla Fibra ottica e sempre più provider utilizzano questa nuova tecnologia di connessione internet.

I significati delle sigle ADSL e Fibra per i meno esperti sono incomprensibili e appunto per questo, la mia guida vuole spiegare il significato di ogni sigla abbreviata che viene adottata dal gestore telefonico.

ADSL “Asymmetric Digital Subscriber Line” è un collegamento su doppino in rame di tipo asimmetrico, dove il download rispetto all’upload risulta superiore in termini di velocità.  Nello stesso doppino si può navigare che telefonare.
ADSL2 è l’evoluzione della ADSL e permette una velocità di 7 Mbps in download superiore alla classica ADSL con un upload fino a 1 Mbps.
VDSL2 altra evoluzione che permette di migliorare la velocità in abbinamento ad un collegamento FTTC.
FTTC “Fiber-To-The-Cabinet” significa Fibra ottica e può arrivare a velocità 1 Gbps, collegandosi alla centrale dell’armadio stradale più vicino all’abitazione interessata. Solitamente il collegamento tra l’armadio e l’abitazione avviene mediante il doppino in rame e per un distanza breve. La velocità è superiore a quella ADSL, arrivando fino a 100/20 Mbps.
FTTH “Fiber-To-The-Home” significa Fibra ottica che dalla centrale arriva presso l’abitazione senza usare il doppino in rame. La velocità download e upload arriva fino a 100/100 Mbps.
SHDSL “Single-Pair Symmetric – High-speed Digital Subscriber Line” simile alla ADSL permette una inferiore latenza (ritardo del segnale) con una riduzione dei guasti e la possibilità di aggiungere più doppini per ottenere più, in modo da garantire il servizio anche in caso di guasto di uno dei cavi.
Fibra ottica sfrutta una tecnologia superiore alla vecchia ADSL, trasportando un segnale di luce all’interno di un tubo sottile in stile cavo. I vantaggi sono una elevata velocità di trasmissione dei dati a lunga distanza, resistente alle temperature alte e basse, disturbi elettrici e elettromagnetiche.
BMG “Banda Minima Garantita” indica un valore di banda minima che viene garantita dal gestore telefonico, dalla quale sotto non può scendere.

Termini utili da conoscere.

Come Aggiornare Bios Uefi

Per quelli che hanno scelto i Notebook e i Computer Toshiba, in questa guida vedremo come aggiornare il BIOS/UEFI direttamente dal sistema operativo di Windows 10. Prima di eseguire l’aggiornamento è opportuno sapere la versione attuale del BIOS/UEFI installata nel proprio PC. Per scoprirlo con certezza ti basta seguire la mia guida su Come rilevare la versione del BIOS installata sul Computer. Ora che sai la versione che ha il tuo PC puoi procedere al download e l’installazione dell’ultima versione disponibile dal sito Toshiba.

Esegui l’aggiornamento con l’alimentatore collegato alla rete elettrica se si tratta di un Notebook.
L’aggiornamento è stato fatto su un Notebook Toshiba Satellite L50-B-1JC-PSKTAE.
Aggiornamento

Vai al sito Toshiba Drivers.
Seleziona tutti i dati che si riferiscono al modello del tuo Notebook o Computer fisso.
Seleziona poi il Sistema operativo, Tipo di driver e BIOS Update.
Inseriti i dati richiesti clicca in basso Ricerca.
Scarica l’ultima versione del BIOS/UEFI dal sito Toshiba.
Estrai il file compresso ed esegui l’eseguibile rar.
All’interno della cartella fai doppio click sul file AutoWinPhlash.
Ti verrà chiesto di aggiornare il BIOS.
Conferma due volte OK per riavviare il PC.
Dopo il riavvio inizia l’aggiornamento.

Molto interessante.

Come Personalizzare lo Schermo

Da quando possiedo un Computer ho sempre preferito utilizzarlo al meglio, non solo per lavoro ma anche per svago, dove tutt’ora oggi il mio PC è collegato ad uno schermo 4K di ultima generazione da 49 pollici. Sfruttare il proprio Personal Computer collegato alla TV di casa per vedere film, ascoltare musica e giocare ai videogiochi secondo me non ha eguali.

Detto ciò, specialmente con i televisori di nuova generazione con risoluzione Ultra HD, accade spesso che Windows 10 non rilevi in modo ottimale le dimensioni dello schermo, da non confondere con la risoluzione. Per farvi capire, le impostazioni dello schermo presente in Windows 10 serve per aumentare o diminuire le proporzioni degli elementi presenti sullo schermo. Una comodità utile che ci aiuta a trovare la dimensione ideale in base alle nostre preferenze.

Oltre alla personalizzazione dello schermo, ci soffermeremmo anche su come regolare le dimensioni dei caratteri in correlazione alle proporzioni del Desktop, in modo da migliorare al meglio la visibilità del proprio monitor. Continuate a leggere la mia guida per vedere come modificare la visualizzazione dello schermo in Windows 10.

Impostazioni schermo
Ci sono vari modi per richiamare la funzione, la più veloce consiste nel cliccare destro del mouse sopra una parte vuota del Desktop e andare subito dopo nelle Impostazioni schermo.
Oppure si può da Cortana digitare le parole Impostazione schermo.
Anche dallo Start di Windows 10 basta cliccare destro del mouse e andare poi in Pannello di controllo, Aspetto personalizzazione, Schermo e Cambia le impostazioni dello schermo.
Io preferisco la prima opzione perché la più veloce è immediata rispetto alle altre.
Dalla finestra di dialogo va spostato il cursore blu da sinistra a destra per modificare le dimensioni in percentuale dello schermo.
Trovata la dimensione ottimale dovremmo poi cliccare Disconnetti ora e accedere all’account di del sistema per salvare le modifiche.
Ridimensionamento del testo
Avvolte quando si va a diminuire o aumentare le dimensioni degli elementi presenti sul Desktop, succede che il testo diventa troppo piccolo e quindi poco leggibile.
Se vogliamo aumentare il carattere del testo, sempre dalla finestra di dialogo delle Impostazioni schermo andiamo su Impostazioni schermo avanzate e Ridimensionamento avanzato del testo e di altri elementi.
Si apre una seconda finestra e su Modifica solo la dimensione del testo agiamo sul numero del carattere del testo.
Più e altro il valore numerico e più il carattere del testo aumenterà.
Se il risultato ci convince clicchiamo Applica.
Si può anche scegliere di modificare solo alcune zone del sistema operativo, come Le barre del titolo, Menu, Finestre di messaggio, Titoli delle tavolozze, Icone e Descrizioni comandi.
Come se non bastasse si può pure inserire il Grassetto nel testo carattere.
Per farlo ci basta mettere la spunta su Grassetto e cliccare Applica.

Molto interessante.

Come Lavare Capi di Seta

Davanti ad un capo di seta e sicuramente bello, ogni volta che dobbiamo lavarlo abbiamo il terrore rovinarlo ed allora ecco alcuni suggerimenti per ovviare il problema.

Seta di colore nero: immergete il capo in secchio d’acqua alla quale avrete aggiunto una tazza di ammoniaca. lasciate in ammollo per trenta minuti, quindi risciacquate due volte senza strizzare; lasciate asciugare all’ombra. Stirate a vapore quando il capo ancora si presenta umido.

Seta naturale: lavatela con detersivo delicato in acqua tiepida. Ritorna splendente aggiungendo un cucchiaino di trementina per un litro d’acqua nell’ultimo risciacquo.

Seta artificiale: lavatela in acqua fredda e risciacquate più volte mettendo un pò di aceto nel primo risciacquo. Fatela asciugare avvolta in un panno ruvido.

In ogni caso, è importante leggere l’etichetta seguendo questa guida su Realitydraws.it per evitare errori nel lavaggio.

Come Resettare gli Errori della Centralina Auto con il Dispositivo ELM 327 OBD2 da Android

In questa nuova guida vedremmo come eseguire il reset della centralina del vostro veicolo, quel dispositivo elettronico che controlla tutte le funzioni e le informazioni dell’auto. Nelle automobili di una volta, la centralina ECU era meno evoluta e dava sicuramente meno complicazioni rispetto ad’oggi.

Il reset dei codici di errore è molto indicato soprattutto quando capita di vedere accesa una spia sul cruscotto, ad esempio, l’avaria del motore o altro errore che la ECU interpreta come veritiero, quindi si può pensare che ci sia effettivamente un guasto, quando invece non c’è affatto.

Solitamente questo compito spetta e va affidato ad un meccanico o elettrauto di fiducia, ma se si tratta soltanto di azzerare un errore, possiamo pensarci noi invece di pagare un professionista del settore. Con questo non voglio togliere nulla ad un meccanico o elettrauto, ma di questi tempi e meglio risparmiare se si può intervenire con poco.

Le officine autorizzate e non, sono munite di un dispositivo chiamato interfaccia OBD2 che serve per interfacciare la centralina ad un computer con sistema Windows. Quando si viene collegati alla ECU della centralina, con un programma installato nel Computer è possibile leggere tutti i dati che vengono inviati dall’auto al sistema operativo. Ogni informazione ci dice se ci sono errori e di conseguenza se possiamo correggerli. Una volta che l’errore è stato trovato sarà possibile cancellarlo dalla memoria della centralina. Ovviamente dopo il reset la spia che prima era accesa si spegne.

Il dispositivo OBD2 si trova facilmente su internet o in alcuni negozi che vendono ricambi per auto. Io ne ho acquistato uno su eBay perché avevo un problema con l’errore immobilizer della mia Panda 2004. Per fortuna, grazie a l’ELM 327 – OBD2 sono riuscito a risolvere il mio problema, riuscendo a spegnere la spia che da tempo mi tormentava. Il dispositivo funziona in Wi-Fi con Android, iPhone e Windows con il programma incluso o l’applicazione nel telefono.